Asparago di Badoere IGP

La denominazione “Asparago di Badoere” IGP designa i turioni di asparago generati da piante della famiglia delle Liliacee, genere Asparagus, specieofficinalis, varietà DarianaThielimZenoAvalim e Grolim per la tipologia “bianca”, varietà ErosThielimGrolimDariana e Avalim per la tipologia “verde”.
I turioni possono presentare colore bianco-rosato o verde intenso, con sapore dolce e aromatico. Inoltre devono essere ben formati, dritti, con apice serrato, interi e non devono essere vuoti, né spaccati, né pelati, né spezzati.

La zona di produzione e di confezionamento dell’indicazione geografica protetta (IGP) “Asparago di Badoere” comprende l’intero territorio dei seguenti comuni:

  • provincia di Padova: Piombino Dese, Trebaseleghe
  • provincia di Treviso: Casale sul Sile, Casier, Istrana, Mogliano Veneto, Morgano, Paese, Preganziol, Quinto di Treviso, Resana, Treviso, Vedelago, Zero Branco
  • provincia di Venezia: Scorzè.

Le particolari condizioni pedoclimatiche della zona di produzione permettono la coltivazione di questo prodotto senza la necessità di interventi irrigui o di particolari concimazioni.
La coltivazione specializzata dell’Asparago di Badoere è piuttosto recente, essendosi sviluppata dopo l’ultimo conflitto mondiale in concomitanza con la trasformazione delle mezzadrie e con l’abbandono dell’allevamento del baco da seta che ha reso disponibile, nella stagione primaverile, manodopera che diversamente non avrebbe trovato impiego.
Dal punto di vista documentale sono innumerevoli le fonti che annoverano l’Asparago di Badoere – Morgano come una delle varietà locali più pregiate del Veneto.
L’importanza di Badoere nella produzione di asparagi spinse l’Amministrazione comunale di Morgano ad organizzare nel 1968 la “1a Mostra Provinciale dell’Asparago di Badoere”, mostra che continua a tenersi ancora oggi.
La particolare combinazione dei fattori produttivi, quali manualità ed artigianalità, insieme ai fattori pedoclimatici dell’area delimitata, differenziano nettamente questo prodotto dalle altre varietà di asparago.

Fonte: http://www.regione.veneto.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: