Figadei

Un prodotto delicato che, considerato il suo ingrediente principale, il fegato di maiale, va consumato entro una settimana. Preparato generalmente dalle famiglie di produttori veneti per uso proprio, i figadei si possono anche chiedere su ordinazione al proprio macellaio di fiducia. Ottimi assaporati freschi, cotti alla brace o bolliti, oggi giorno registrano una minor fortuna rispetto al passato, per il loro apporre rustico che non sempre incontra l’approvazione dei palati moderni.

Sono costituiti da fegato, polmone e carne di suino, tendenzialmente di allevamento domestico. Spezie e affini: sale, pepe, zucchero. Facoltativi: uva passa, cedrini, pinoli.

Il fegato di suino, appena macellato, viene macinato assieme al polmone di maiale e ad un impasto per salame, in piccola percentuale, contenente sale, pepe, zucchero e, a piacimento, uva passa, cedrini e pinoli. Infine viene insaccato in un budello naturale, legato e lasciato asciugare per poche ore.

(Fonte: Forme & Sapori, a cura di Giampiero Rorato)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: